Lo sviluppo comportamentale del cane copre un arco di tempo che va dal periodo prenatale alla pubertà.

Sono state riconosciute 5 principali fasi; queste non sono nettamente divise tra loro e la loro durata e transizione può variare da razza a razza e da individuo ad individuo. Tuttavia è possibile schematizzarle.

 

PERIODO PRENATALE: LA GRAVIDANZA

Si identifica con la gestazione, quindi il periodo in cui il cucciolo è nel ventre materno, fino alla nascita. Ma come è possibile parlare del periodo prenatale come di “fase di sviluppo comportamentale”??? Il piccolo si sta sviluppando, è protetto nel ventre della madre, non interagisce con il mondo! Eppure…  alcuni studi hanno dimostrato che i feti hanno una certa sensibilità tattile, è stato infatti osservato che subito dopo una palpazione eseguita sul ventre della madre, i piccoli si muovono. Inoltre è possibile che durante il periodo prenatale nei piccoli si cominci a formare la preferenza per alcuni sapori, in relazione al sapore degli alimenti con i quali è stata alimentata  la madre. Quindi, in qualche modo, il mondo esterno può entrare nel ventre di mamma cagna e i piccoli possono rispondere a stimoli esterni.

 

PERIODO NEONATALE: APPENA NATI

Va dalla nascita alle due settimane di età. Si sviluppano le capacità sensoriali olfattive, termiche e tattili dei cuccioli (che non hanno capacità uditive o visive alla nascita). L’attività prevalente del cucciolo è… il sonno! Nonostante questo, i cuccioli così piccoli hanno capacità di apprendere, di rispondere a stimoli e di cominciare a formarsi un’”idea” del mondo che li circonda. Ovviamente è sempre bene rispettare i momenti di riposo dei piccoli e della madre, ma già in questa fase è possibile cominciare a manipolare il cucciolo (delicatamente e per pochi minuti al giorno), in modo da abituarlo al contatto con l’uomo. Alcuni studi, inoltre, sembrano dimostrare che cuccioli manipolati sono successivamente più socievoli anche con persone estranee e più sicuri di sé.

La madre inizia ad emettere 3-4 giorni dopo la nascita dei cuccioli alcune particolari sostanze, dette “feromoni  di appagamento”. Queste sostanze sono prodotte dalle ghiandole presenti nel solco tra le mammelle. Esse hanno la funzione di rendere il cucciolo più rilassato. In questo modo si sentirà anche più sicuro nell’affrontare il mondo esterno.

 

PERIODO DI TRANSIZIONE: ALLA SCOPERTA DEL MONDO

Inizia con l’apertura degli occhi (10°-12° giorno) e si conclude con la comparsa dell’udito, a circa 21 giorni. In questa fase il cucciolo può cominciare ad assaggiare cibo più solido, oltre al latte.  Comincia a reggersi sulle zampe e a camminare in modo sempre più sciolto. Inoltre è a partire dal 15° giorno di vita che il piccolo crea un vero legame di attaccamento con la madre: è vero che già nei periodi precedenti i piccoli cercano di mantenere sempre un contatto con la madre e che se separati da lei e dai fratelli piangono, tuttavia è proprio nel periodo di transizione che la cagna (quella cagna e nessun altra!) diventa la “base sicura” per il piccolo, cioè la fonte di conforto e la base da cui partire – e tornare – per esplorare il mondo.

 

4.PERIODO DI SOCIALIZZAZIONE: 3-16 SETTIMANE

Il cucciolo impara a riconoscere i propri simili (socializzazione intraspecifica o primaria) e l’uomo e gli altri animali (socializzazione interspecifica o secondaria). In questa fase è fondamentale arricchire l’ambiente di vita del cucciolo con oggetti e persone – sempre in modo graduale, piacevole e non troppo invasivo – in modo che prenda confidenza con ciò che lo circonda. Giocando con i fratellini impara a controllare il morso e ad utilizzare i comportamenti tipici della specie per comunicare. Ricordiamo che, se da una parte è bene far socializzare i piccoli con persone ed altri animali, dall’ altra parte è necessario che i cuccioli rimangano con la madre e i fratelli almeno fino al compimento dei due mesi di età, meglio se tre. Così permettiamo loro di crescere e formarsi come “cani” in modo corretto, in un contesto positivo e rilassato, dato dalla presenza della mamma e dei fratelli.

 

PERIODO GIOVANILE/PUBERTARIO (fino ai 6 mesi circa, ma molto variabile tra razze): QUASI ADULTI!

Tutti i sensi sono completamente sviluppati. I denti permanenti cominciano a spuntare intorno alle 16 settimane e l’eruzione completa si ha intorno ai 6 mesi. Il cucciolo ha raggiunto circa i 2/3 della taglia adulta. Si assiste ad un affinamento delle capacità motorie. Questo è un periodo di “metamorfosi”: avvengono evidenti cambiamenti fisici e comportamentali, ad esempio terminano di svilupparsi gli organi genitali esterni. E’ possibile che il cane sviluppi timore di persone ed ambienti nuovi, come se ci fosse una “regressione” nella socializzazione. Questo capita con minor frequenza ed intensità nei cani che sono stati socializzati nel modo corretto nelle fasi precedenti, e di solito è una fase transitoria. Tuttavia, in caso di difficoltà o dubbi, il proprietario può rivolgersi agli esperti di comportamento animale. Fondamentale è inoltre il rapporto di fiducia che si deve creare tra proprietario e cane:  il proprietario deve essere una “base sicura” per il cane, la base da cui partire – e tornare – per esplorare il mondo.

Dott.ssa Eva Ricci
Dott.ssa in Biologia, formata in comportamento animale (etologa) e relazione uomo-animale
www.ilmiocane.org/dott.ssa-eva-etologa-consulenze-comportamentali
www.facebook.com/evaetologa/