SICS - Scuola Italiana Cani Salvataggio

SICS_Scuola_Italiana_Cani_Salvataggio.gif
Milano, Italia
Idroscalo, Città Metropolitana di Milano Milano Lombardia 20121 IT

La Scuola Italiana Cani Salvataggio è la più grande organizzazione a livello nazionale dedita alla preparazione dei cani e dei loro conduttori (le cosiddette Unità Cinofile) al salvataggio nautico. L’addestramento di una unità cinofila (conduttore + cane) è molto duro e complesso, dura mediamente oltre un anno ma a volte può richiedere anche molto più tempo. L’Unità Cinofila, al termine dell’addestramento, deve sostenere un esame davanti ad un’apposita commissione che, in caso di prova positiva, rilascia un brevetto di salvataggio riconosciuto dal Ministero dei Trasporti e Navigazione, con il quale è possibile all’unità cinofila accedere alla spiaggia per prestare opera volontaria di soccorso o in assistenza alle unità di salvataggio esistenti e comunque sempre sotto il controllo ed il coordinamento operativo della Guardia Costiera.

Il brevetto conseguito deve essere rinnovato ogni anno.

Per arrivare a questo è necessario un addestramento durissimo, che comporta un allenamento al nuoto consecutivo di parecchie centinaia di metri, in condizioni di mare mosso e spesso in mezzo ai frangenti che sommergono cane e conduttore.

Per ottimizzare le capacità di intervento e le tecniche di soccorso usate dalle Unità Cinofile, la Scuola organizza esercitazioni di Protezione Civile in collaborazione con le Capitanerie di Porto, i nuclei elicotteristi della Guardia Costiera, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza ed i reparti SAR dell’Aeronautica Militare.

L’attività di promozione della SICS si estende anche a programmi di carattere sociale e ambientale in cui sono coinvolti principalmente i giovani, i bambini della scuole, i portatori di handicap, ecc.

La SICS promuove e svolge, anche in collaborazione con altri Enti privati o pubblici operanti per finalità o fini complementari, tutte le attività culturali, didattiche, di ricerca scientifica, sportive e ricreative che possano essere utili per la diffusione di principi di solidarietà umana, civile e sociale, oltre a diffondere una cultura cinofila in cui il cane possa essere compreso come soggetto indispensabile e complementare all’operato umano e dispensatore di aiuto a tutti coloro che volessero avvicinarlo.