statistiche web

COVID-19 e alimenti per animali domestici

Poiché gli animali domestici in tutto il mondo sono diventati sempre più membri a pieno titolo delle loro famiglie, anche la pandemia globale di coronavirus (COVID-19) sta interessando anche loro

Mentre tutti ci rannicchiamo a casa per aiutare a fermare la diffusione del virus, i nostri animali domestici stanno offrendo il comfort necessario e immagino che siano felici di non avere la loro gente in giro.

Sebbene completamente ignaro di ciò che sta accadendo nel mondo esterno, il cane è consapevole e apparentemente contento della nostra casa improvvisamente piena.  Invece di un compagno di casa tutto il giorno, il cane ora ne ha tanti, e questo è successo dall’oggi al domani!

Prospettive per le catene di fornitura di ingredienti per alimenti per animali domestici?

Dopotutto, ogni azienda deve capire come rimanere a galla; per le aziende di alimenti per animali domestici, ciò significa garantire che tutti quegli animali domestici che ci tengono compagnia a casa abbiano ancora alimenti per animali domestici sani da mangiare.
Con questa crisi che colpisce tutto il mondo, le interruzioni della catena di approvvigionamento sono una preoccupazione e una probabilità per ogni settore, compreso il cibo per animali domestici.
Alcune aziende alimentari umane sono preoccupate per la carenza di cibo dovuta alla mancanza di lavoratori agricoli che raccolgono o trasformano colture, bestiame e altri prodotti alimentari.

In che modo ciò potrebbe influire sulle forniture di ingredienti per alimenti per animali domestici?

E che dire degli altri ingredienti che devono attraversare i confini, mentre sempre più paesi e regioni chiudono i loro?
I governi stanno cercando di mantenere il flusso degli scambi, ma se la circolazione delle persone è limitata, anche un minor numero di lavoratori potrebbe influire sulla circolazione delle merci.
La raccolta delle colture, la trasformazione del bestiame, il trasporto di merci e merci e lavori simili si qualificano come “attività essenziali” in luoghi in cui sono in vigore blocchi o ordini di ricovero sul posto?

Negli Stati Uniti, una coalizione di organizzazioni, guidata dall’American Feed Industry Association, ha inviato una lettera ai governatori statali esortandoli a considerare le attività di alimentazione degli animali, comprese le aziende e le strutture per l’alimentazione degli animali domestici, come “attività essenziali” che devono rimanere aperte anche durante lockdowns. E, con alcune buone notizie per il cibo per animali domestici, il Pet Food Institute ha annunciato che il 19 marzo l’agenzia per la sicurezza informatica e della sicurezza del Dipartimento della Patria degli Stati Uniti ha pubblicato ulteriori indicazioni sulle attività essenziali relative alla crisi COVID-19, e le strutture per alimenti per animali domestici sono incluse.

fonte petfoodindustry.com