statistiche web

Portare il cane a spasso sotto la pioggia: si può?

Portare il cane a spasso e a fare i bisogni sotto la pioggia diventa una necessità in molte zone del nostro paese con l’arrivo dell’autunno e dell’inverno

Molto spesso quando piove si aspetta che il meteo torni in condizioni migliori per uscire a passeggiare con il proprio cane, ma la pioggia intensa può durare anche molto tempo, e il nostro amico non può aspettare troppo tempo per tornare a fare i propri bisogni, se non si vuole rischiare in un senso o nell’altro.
Pubblichiamo qui una piccola guida per la passeggiata col cane sotto la pioggia.

Portare il cane a spasso sotto la pioggia: si può?

Uscire quando piove non piace a nessuno: né al padrone né al cane. Ma a volte diventa una necessità legata alla gestione della propria routine e di quella del nostro amico. Il rischio di bagnarsi e di prendersi un raffreddore c’è, e anche questo è valido per entrambi. È necessario quindi armarsi di qualche precauzione e di un po’ di pazienza al rientro per asciugarsi al meglio. Vediamo tutto quello che è possibile fare dal momento dell’uscita a quello del rientro.

Uscita col cane sotto la pioggia

Se il cane si diverte sotto la pioggia, non sarà un problema farlo uscire. L’obiettivo col cane deve essere quello di fargli capire che sotto il sole e la pioggia è la stessa cosa: quindi portate con voi i premi che usate normalmente, e abbiate sempre lo stesso atteggiamento con lui, anche quando piove. Si possono utilizzare i premi per avvicinarlo alla porta qualora il cane fosse restio ad uscire. L’utilizzo degli impermeabili e delle tutine per cani è consigliato purché il “vestito” non sia di intralcio al cane e ai suoi movimenti, e gli lasci la necessaria libertà per muoversi liberamente. Sta al padrone capire se l’impermeabile scelto è quello più adatto al proprio cane: fidatevi delle taglie, ma siate pronti anche a sostituirlo qualora non andasse bene.

In giro col cane sotto la pioggia

Il cane ha uno strato di pelo e di sottopelo che lo ripara dalle intemperie, ma ciò non vuol dire che può stare all’infinito al freddo e sotto la pioggia. Proteggerlo dal freddo, anzi, è fondamentale per evitare che si raffreddi o si ammali. Non ti attardare troppo e non consentirgli di stare bagnato troppo a lungo: se la passeggiata dura meno quando piove non è un problema. L’importante è che il tuo amico abbia il tempo di fare i propri bisogni e valutare un po’ la situazione. Potrebbe essere lui stesso a tornare verso casa una volta finiti i bisogni oppure se la pioggia fosse troppo forte.

Al rientro dalla passeggiata sotto la pioggia

Al rientro il cane va asciugato. Meglio farlo con un asciugamano morbido e grande, nel quale avvolgerlo e strofinarlo. Particolare attenzione va dedicata ai cuscinetti delle zampe, che sono i termoregolatori della temperature dell’animale, e alle orecchie, che se lasciate bagnate possono facilmente portare a problemi. Si può usare anche il phon in alcune occasioni ma bisogna ricordare che questo secca la pelle del proprio animale. I cani emettono un tipico odore di umido al rientro dalle passeggiate: ciò non significa per forza che vada lavato ogni volta, perché si andrebbe a rovinare lo strato protettivo della sua pelle. Mantenete una sana routine di bagni indipendentemente dalla quantità di pioggia che l’autunno e l’inverno vi riserveranno.

Se il cane dovesse accusare dei sintomi di raffreddamento, o problemi alla pelle o al pelo in seguito a passeggiate sotto la pioggia – e alla routine di asciugatura e di pulizia dopo di queste – rivolgetevi al più presto al vostro veterinario di fiducia.

(fonte giornal.it)