statistiche web

Riflessioni intorno alla proprietà di un animale domestico

Dormi con il tuo cane? 5 trucchi per riposare meglio accanto al tuo animale domestico
19/10/2022
“Manuale di rieducazione comportamentale cinofila” di Aldo La Spina
04/11/2022

Se non succede è meglio. Purtroppo succede. Un matrimonio, una relazione sentimentale, un fidanzamento tra due adolescenti possono giungere al capolinea

Che ne sarà dell’animale domestico tanto amato e sino a quel momento condiviso? Poichè, come noto, gli animali sono considerati dal diritto  beni mobili,  la loro sorte potrebbe essere identica a quella di qualunque altro bene mobile conteso tra i “litiganti” . Questo significa che un eventuale tribunale chiamato a decidere potrebbe limitarsi a verificare il titolo di proprietà, ignorando invece la relazione esistente tra l’animale e il compagno umano di riferimento. E compiendo questa verifica potrebbe attribuirsi  alla intestazione all’anagrafe canina dell’animale domestico un valore che, invero, non ha. La giurisprudenza più illuminata ha più volte ribadito che alcuna risolutività può attribuirsi a tale intestazione dal momento che questa  è prevista dalla legge per le sole finalità di prevenzione del randagismo e censimento della popolazione canina.

E allora come se ne esce? Il diritto non può non dare una risposta.  Invero questa risposta ci sarebbe  ma non ha ancora ricevuto la dignità di norma cogente. E tale risposta ha un non sottovalutatile pregio perché ci dice che in caso di separazione dei coniugi il Tribunale, in mancanza di un accordo tra le parti, a prescindere dal regime di separazione o di comunione dei beni e a quanto risultante dai documenti anagrafici dell’animale, sentiti i coniugi, i conviventi, la prole e, se del caso, esperti di comportamento animale, attribuisce l’affido esclusivo o condiviso dall’animale alla parte in grado di garantirne il maggior benessere. Precisa altresì che il Tribunale rimane competente a decidere in merito all’affido anche in caso di fine di una relazione sentimentale che nn ha avuto il riconoscimento del matrimonio.

In virtù di questa soluzione, che ricordo non è mai diventata norma ma rimane una proposta di modifica del codice civile, si prende la distanza -ci si affranca definitivamente  –  da istituti del  diritto privato che, se applicati a situazioni come quella in commento, potrebbero condurre a risultati aberranti sol soffermandoci su quella che è la norma di riferimento, e cioè  l’art. 832 c.c. (il diritto di proprietà) e i modi di acquisto della proprietà stessa.

Non introdurre all’interno del nostro ordinamento una norma o una serie di norme riferibili alle problematiche affioranti laddove – ahimè – si contende un animale d’affezione dimostra una grave miopia del nostro legislatore. Il rapporto tra l’umano e animale di affezione non può essere ricondotto alla mera proprietà di un oggetto di cui il detentore avrebbe la completa disponibilità, in spregio dei tanti contributi forniti dell’etologia, della biologia, della filosofia, delle scoperte scientifiche.

L’assenza (colpevole) o la presenza di norme evolute dipende dalla considerazione in cui si prescelga di tenere l’animale, quale res, secondo la concezione tradizionale che appare sempre più lontana dalla sensibilità comune, ovvero quale “essere senziente” o addirittura “persona non umana”, come si sta sempre più affermando nei testi normativi anche internazionali, nelle decisioni dei giudici non solo italiani e nelle correnti di pensiero religiose, filosofiche e giuridiche. Ricordo che, illo tempore, la  Corte di Cassazione (penale) ebbe ad affermareto che il “rapporto tra proprie- tario e animale di affezione non è più riconducibile alla mera proprietà di un oggetto di cui il detentore avrebbe la completa disponibilità”, e che “l’animale condotto al seguito o trasportato in autovettura richiede la stessa attenzione e diligenza che normalmente si usa verso un minore” (Cass. Pen. 5 giugno 2007, n. 21805).

Meditiamo onorevoli politici, meditiamo.

Avv. Filippo Portoghese
Diritto e tutela del benessere degli animali